nav-left cat-right
cat-right

Convegno sul Multitasking a villa Morando, Lograto (Bs), 29.9.2012 [AGGIORNATO]

Come la rete, il digitale ed i social media stanno
cambiando la nostra psiche e la nostra vita.

Sabato 29.9.2012

| Programma del Convegno |

La rete ed i social media come facebook e twitter hanno radicalmente trasformato i nostri modi di comunicare. La nostra stessa modalità di percezione della realtà, di elaborazione degli stimoli viene profondamente modificata da una sempre più diffusa contemporanea molteplicità di processi, funzionamento e comunicazione influenzano a loro volta la nostra mente.
Per alcuni ci troviamo di fronte alla straordinaria opportunità di aprire a tutti la conoscenza e creare una solidale e partecipata intelligenza collettiva. Per altri incombe invece su di noi lo spettro del controllo totale. Anche negli ambiti della psichiatria, psicologia e psicoterapia gli sviluppi futuri sono incerti e discordanti. La rete apre da un lato nuove ed inaspettate possibilità terapeutiche.
D’altro canto internet ed i social media non sono privi di pericoli ed i disturbi psichici correlati al loro abuso sono in crescita.
Senza catastrofismi da un lato e facili euforie dall’altro ci proponiamo di capire meglio e discutere come le trasformazioni del digitale influenzano la nostra vita, la nostra mente, e le scienze che la curano, quali sono le opportunità ed i rischi nell’oggi e per il domani.

Vi invitiamo con piacere a partecipare ed a portare al dibattito il vostro contributo critico.

Ass. uma.na.mente

How the web, the digital and the social media

are changing our lives and our minds.

Saturday 29.9.2012

| Schedule of the meeting  – only avaible in italian |

Web and social media like Facebook and twitter radically changed our way to communicate. Our perception of the reality is deeply changing because of the simultaneus processes that influences our lives and our minds.

Someone says we can use this opportunity to open to everyone the knowledge and to create a solid collaborative intelligence. Someone else see this as the ghost of the total control. Even in psychiatric, psychological and psychotherapeutical fields the developement are uncertain and contrasting. The web opens many unexpectable therapeutical chances.

On the other side internet and the social media are not dangerless and the mental disorders linked to them are growing.

Without prejudice we want to better understand how this digital evolution is influencing our lives, our minds and the sciences that tries to heal them. What are the risks and the opportunities for tomorrow?

We wish you may partecipate and bring to the metting your critical contribution.

Ass. uma.na.mente